Riprovarci dopo un rifiuto: le tecniche migliori

corsi per sedurre un uomo
Corsi per sedurre un uomo – Corsi di seduzione per donne | MS
4 dicembre 2017
ragazzainchat
Ragazzainchat: tecniche di seduzione da utilizzare
12 dicembre 2017

Riprovarci dopo un rifiuto: le tecniche migliori

riprovarci dopo un rifiuto

Sapere come riprovarci dopo un rifiuto è fondamentale per chiunque vuole essere più efficace con l’altro sesso. Inoltre riprovarci dopo un rifiuto è un modo di dire “Guarda che mi piaci davvero”. Il problema? Riprovarci dopo un rifiuto può risultare pesante e opprimente. Ti spiego come evitare questo pericolo.

Leggi fino in fondo perché a fine articolo di regalo un codice sconto del 10% su ogni mio corso!

Riprovarci dopo un rifiuto: come e perché funziona

Ora vediamo insieme qual è il modo corretto di riprovarci dopo un rifiuto. Ma prima vediamo due casi:

Caso 1) Stiamo parlando di una persona che vedi spesso, e che ti ha rifiutato.

Allora questa è la situazione più spinosa. Se ti ha rifiutato la tua ex, una tua amica, una parente (c’è chi ci prova con le cognate), o una collega di lavoro, riprovarci dopo un rifiuto può essere una pessima idea. Questo perché esiste una forte pressione sociale attorno a te, e farti vedere insistente può ritorcersi contro di te.

Allora cosa devi fare?

Usa la tecnica del gelo artico. Sparisci per un po’, non ti far vedere né sentire, e piuttosto fai un viaggio o comunque divertiti. Posta sui social foto di te assieme ad altre persone (non tutte donne altrimenti sembri un arrapato cronico, non tutti uomini o sembri un perdente), foto divertenti e che esaltino i tuoi punti di forza (se sei una donna, fatti vedere circondata da amici e tutta vestita elegante). Insomma, quando torni alla carica, devi essere più forte di prima. Forte di nuove esperienze, nuove conoscenze, una nuova forma fisica e mentale.

Solo così, riprovandoci, avrai più possibilità di successo.

Funziona perché ti sei dimostrato non bisognoso. Bensì sei stato indipendente e sicuro di te, capace di vivere anche senza la persona che desideri. Se vedono questo in te, cambiano idea!

 

Caso 2) Stiamo parlando di una sconosciuta che ti rifiuta durante l’approccio.

Allora parliamoci chiaro e tondo: se approcci male e vieni rifiutato, te ne devi andare. Punto. Non puoi fare lo stalker o essere pesante. In Francia c’è una nuova legge su questo punto qui.

L’approccio per strada secondo me deve essere naturale, garbato, gentile, senza invadere lo spazio personale, senza volgarità, senza tocchi fisici (va bene la stretta di mano, va bene un abbraccio “soft” ma solo e unicamente se reciproco. Ai miei corsi ti insegno come leggere i segnali di rifiuto, come evitare di essere invasivo, come essere graduale e rispettoso).

Se approcci con sorriso, buon umore ed educazione, difficilmente vieni rifiutato. Tuttavia può succedere. In questi casi ci sono una serie di rifiuti.

Se lei ti ignora e/o incrocia le braccia, mantieni il buon umore senza assolutamente toccarla o entrare nel suo spazio personale. Piuttosto mostra disinteresse (così la sblocchi), racconta storie divertenti che implichino il tuo valore di uomo (concetto fondamentale nella seduzione moderna), oppure ecco come riprovarci dopo un rifiuto: passa ad un’altra ragazza, parla con lei e crea in questo modo una trama di gelosia. L’attrazione che crei in questo modo è pazzesca! La gelosia è uno strumento molto potente.

Esistono poi rifiuti intermedi, del tipo “sono fidanzata”, oppure “sono lesbica”. In questi casi lei ti sta mettendo alla prova. Potrebbe essere vero che è fidanzata, tu comunque sorridi e chiedile informazioni sul suo ragazzo. Se te le dà e capisci che lo ama, non insistere. Se invece capisci che ti ha mentito, mantieni il buon umore e continua a parlarci.

Se invece il rifiuto è verbale, del tipo “vattene”, “lasciami in pace”, oppure vedi che la donna se ne va, inutile riprovarci dopo un rifiuto del genere. Rischi solo di darle fastidio ancor di più. Piuttosto, visto che il tempo è prezioso, passa ad un’altra ragazza. Il vantaggio? Risparmi tempo e mantieni alta la tua energia interiore, detta stato emotivo. Infatti se approcci costantemente senza perdere tempo, lo stato emotivo si gasa. Se invece ti fai abbattere dal rifiuto e smetti di approcciare, lo stato emotivo crolla e risulti meno attraente.

Questo perché per le donne la positività emotiva dell’uomo è un elemento fortemente attraente. Un uomo felice e sicuro di sé, di buon umore e positivo risulta irresistibile per una donna. A noi uomini invece importa meno se la donna sia di buon umore, perché per un’avventura (ad esempio) basta che sia bella e un minimo simpatica.

Riprovarci dopo un rifiuto: la tecnica della domanda al volo.

Una buona tecnica per riprovarci dopo un rifiuto è questa: “prima che vai, ti volevo fare una domanda al volo, ho solo due minuti. Che ne pensi di questo regalo per mia sorella?”

Come vedi questa è una frase molto strategica.

Te la analizzo.

“Prima che te ne vai” è un elemento di “pacing”, cioè le tue parole combaciano con la sua realtà. Se lei sta per salutarti e tu confermi verbalmente, è come se stringessi un’alleanza col suo inconscio. Quindi vieni accettato e tutto quello che dici sarà maggiormente preso in considerazione.

“Ho solo due minuti” si chiama falsa costrizione temporale. Comunichi che sei di fretta e che quindi non starai con lei per molto. È ideale per non mettere pressione.

Infine chiedere un parere su un regalo è stimolante per ogni donna.

Se lei ti risponde, hai modo per un po’ di tempo di incuriosirla e farla sentire maggiormente a suo agio.

È proprio con questa tecnica che tanti anni fa, con zero esperienza alle spalle, ancora vergine e senza sapere nulla di seduzione tranne alcuni principi di comunicazione, riuscii a riprovarci dopo un rifiuto (che rifiuto non era, semplicemente questa ragazza pensava erroneamente che io le volessi vendere qualcosa) e ad arrivare al bacio in mezz’ora esatta, per strada, in pieno giorno, con una ragazza davvero molto molto bella.

Ti è mai capitato di desiderare una sconosciuta, magari vedendola passare accanto a te? Ai miei corsi (che si tengono in tutta Italia ormai) ti insegno qual è il modo migliore per provarci (e riuscirci) senza cadere nelle trappole, senza dare fastidio, senza tornare a casa disperato per non aver avuto il coraggio di approcciare.

In questa pagina puoi vedere tutti i tipi di corsi che tengo: il corso dal vivo con me dura un giorno, ma paghi una volta sola e vieni seguito da me a vita.

Esatto: ogni corso è un Lifetime Access che ti consente a vita di chiamarmi nel privato (skype, whatsapp, facebook, dove vuoi tu) e ricevere tutte le consulenze di cui hai bisogno.

Oltre a questo include una montagna di bonus gratis, tra cui 2 manuali con oltre 300 pagine di tecniche uniche in Italia, il 50% di sconto su ogni mio corso (quelli brand new del 2018) successivo al primo che hai fatto, e tanto tanto altro ancora. Ad esempio, sempre gratis, l’accesso al mio gruppo facebook privato dove posto lezioni esclusive che non puoi trovare da nessuna altra parte.

Come avere tutto questo? Scrivimi ora e prenota ora il tuo corso dal vivo con me! Porta amici e avrai altri sconti ancora!

Non esitare a contattarmi, usando questo modulo qui.

Morale della favola: riprovarci dopo un rifiuto funziona eccome, se sai come fare. Per saperlo, un buon modo è vedere dal vivo come si fa. Il codice sconto che ti fa pagare il 10% in meno su ogni mio corso è STOP10RIFIUTI. Scrivilo nell’apposito modulo nel messaggio o nell’oggetto e saprò che hai letto questo articolo su come riprovarci dopo un rifiuto. Per ringraziarti, siccome lo reputo un articolo importante per la formazione delle persone come te che vogliono avere successo, ti sconto il 10% su ogni mio corso!

Riprovarci dopo un rifiuto: le tecniche migliori ultima modifica: 2017-12-11T17:36:47+00:00 da Simon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi