Come rimorchiare a Roma? Come sedurre a Roma? Dall’approccio al primo appuntamento

Come rimorchiare a freddo
25 gennaio 2017
Come farsi rispettare dagli amici e dagli sconosciuti
26 gennaio 2017

Come rimorchiare a Roma? Come sedurre a Roma? Dall’approccio al primo appuntamento

Può interessare più o meno chiunque perché prima o poi tutti vengono a Roma in vacanza e alcuni si innamorano, trascorrendoci il resto della loro vita, per cui bisogna assolutamente sapere come muoversi in totale tranquillità e come rimorchiare a Roma.

In questo articolo analizzeremo ogni singola briciola presente in questa città: dai luoghi alle donne, dalle ore di punta alle tecniche più efficaci perché fieldtestate (testate sul campo) dopo oltre 7 anni di pratica e di successi.

Introduzione di base per capire come rimorchiare a Roma

Dal romano al turista che viene a visitare la città eterna si pensa che il target più facile su cui puntare siano le turiste, pronte a darcela e a farci passare momenti di euforia, un pò come il “Marcello di Fellini”. E’ possibile riuscire nell’intento e soprattutto posso e devo ammettere che le possibilità di successo sono percentualmente superiori con le straniere, ma se volete rimorchiare a Roma con stile, dovete puntare le romane, quelle che danno soddisfazioni. Non sarà affatto facile, ma vi assicuro che la ONE NIGHT STAND è possibile. Cosa vuol dire? Che vi potete davvero portare a letto (o in macchina) una che avete appena conosciuto per strada.

Come rimorchiare a Roma di giorno

Analizziamo diverse situazioni step by step. Rimorchiare a Roma di giorno è possibile.
Quando? Sicuramente non l’estate. I periodi migliori sono tra ottobre e maggio.

Dove? Tutte le zone turistiche sono le più indicate, ma nulla ci nega anche di sedurre a Roma sui mezzi pubblici o attorno a location universitarie.

Cosa fare con le straniere? Con le straniere di giorno si può puntare ad un numero di telefono o al massimo ad un instant date, ma sappiate che è molto difficile arrivare alla chiusura completa… Insomma sono turiste, sono lì per visitare la città! Le probabilità aumentano di notte… Tarda notte!

Strategia d’approccio con le straniere: semplicissimi e semplicissima. Opener contestuale o diretto, presentazioni e auto proposta di presentarvi come Ciceroni.

Su quali straniere funziona meglio? Americane, tedesche o dell’est. Nulla vi nega di riuscire a farvi anche delle cinesi!

E con le italiane di giorno? con le italiane ci si prova se sono sedute tranquille o camminano tranquille per strada (anche se corrono potete osare, ma lasciate fare ai più esperti… O venite ai nostri corsi prima) zone universitarie per le più giovani o negozi e supermercati per le middle age.

Strategia d’approccio con le italiane: studiate i nostri due articoli su come imparare a rimorchiare

Su quali italiane funziona meglio? Se sai identificare il loro mindset psicologico con tutte.

Come rimorchiare a Roma di notte

Ripartendo dai punti precedenti qui il discorso cambia e cambia in funziona del target che vedremo più in basso. Di notte la distinzione per eccellenza va fatta tra le due categorie principali: straniere ed italiane.

Vuoi sapere come si svolgono i corsi di seduzione a Roma? CLICCA QUI PER SCOPRIRE DI PIU’

Come sedurre straniere di notte a Roma?

Le migliori ragazze straniere girano nei poli d’attrazione turistica notturna. Principalmente le trovi a Trastevere. I numerosi pub e localini americani le attirano come calamite, in particolare una nota discoteca sita dietro Campo de’ Fiori. Sedurre una straniera è più facile, ma se si sa come. Sono più facili fino al bacio, ma spesso perché amano divertirsi e trasmettere mononucleosi a destra e a manca. Il vero problema è riuscire a portarle a letto. Anche se gli piacete alcune vi concederanno al massimo un lavoretto manuale. Ovviamente dovrete generare attrazione, ma informarvi su dove alloggia, se può tornare, rassicurarla che la potete riaccompagnare e che non correrà pericoli o che si può fermare da voi, rassicurare le sue amiche e rassicurarla sulle protezioni che userete.

Ah, dimenticavo la cosa più importante….

DOVETE SAPERE L’INGLESE!

Altrimenti come pensate di imparare come rimorchiare a Roma senza sapere l’inglese?

Non fate la figura di quegli italioti che improvvisano e imbastiscono un discorso senza senso per raggiungere il risultato sperato. E’ chiaro che dovete sapere un minimo come fare un discorso. Non vi viene richiesto il livello “FIRST”, ma almeno un “PET” che cavolo!

La straniera di notte si approccia facilmente anche senza parlare, semplicemente indicandola e facendo una smorfia. Se siete in discoteca avvicinatevi e senza appoggiarglielo, la prendete per mano, le fate fare una o due piroette e la rigirate come una cotoletta facendola divertire. Vedrete che la chiave del successo risiederà in una risata beffarda stampata in faccia e nel coraggio di buttarsi. Se si trova in giro, sarà sicuramente con amiche. Se siete soli analizzate bene. Se sono in due sarà più difficile isolarne una. Se sono in tre meglio, così le altre due si fanno compagnia da sole. Se sono di più, portatevi un amico.

Fondamentale sarà la gestione delle dinamiche del gruppo.

Questo vale sia per le italiane che per le straniere: NON DOVETE SOLO SEDURRE QUELLA CHE VI PIACE, MA ANCHE LA CAPOBRANCO (anche detta cockblock o amica rompicoglioni) solo col suo lascia passare potrete proseguire nel vostro processo seduttivo.  

Come sedurre italiane di notte a Roma?

Per sapere invece come sedurre le italiane di notte dobbiamo fare una netta distinzione tra le varie categorie di persone in cui potremmo incorrere. Il tutto in maniera ultra sintetica. Le tipologie psicologiche che andremo a descrivere valgono a Roma come in altri contesti italiani, questa è più che altro una segmentazione di marketing.

Vuoi sapere come si svolgono i corsi di seduzione a Roma? CLICCA QUI PER SCOPRIRE DI PIU’

Il target romano: tipologie psicologiche femminili

Per strada potrete trovare questi target “mescolati” tra loro, ma a seconda del locale in cui deciderete di passare la serata potrete trovare alcuni tipi di ragazze. Senza fare un elogio e una sponsorizzazione di nessun posto, parliamo delle tipologie psicologiche femminili.

Specifico che tutto questo discorso è una mega generalizzazione, non esistono realmente queste tipologie, ma in molti di queste donne troviamo caratteristiche comuni. (Anche gli uomini sono classificabili e probabilmente scriveremo anche a riguardo, ma non in questo articolo su come rimorchiare a Roma).

La coatta: tipica dei sobborghi, identificabile grazia al trucco pesante. Ama un uomo che in prima battuta se la tira e poi si rivela un cagnolino da bastonare e da accudire. Una finta donna alpha comandina con cui,  una volta stabilito un legame, le coccole saranno a volontà. L’approccio è diretto e va continuamente sfidata e provocata. Push&Pull is the key.

La timorata: la timorata è bivalente. La classica ragazza carina ma che parla poco. O è semplicemente timida in tutto e per tutto e quando dico tutto, intendo tutto, o va sbloccata e quando si sblocca potete divertirvi insieme. L’approccio è diretto e va generata tensione e pressione sociale che dirotterete su di voi, attraendola sempre più. Esempi pratici: se arrossisce glielo fate notare, se farfuglia le fate il verso etc. Vale la pena provarci? Se vi piace vale la pena provarci con tutte.

L’alternativa: anche qui bivalenza. E’ un’alternativa vera? Lo capite se è davvero fissata con qualcosa, un genere di musica, una serie, se è una cosplayer. Se è così è molto difficile il primo contatto se siete persone normali perché tenderà ad empatizzare e socializzare più facilmente con persone del suo “gruppo alternativo”. Se sbloccata può agganciarsi a voi e non mollarvi più. E’ una delle più sensibili alla psicosi. L’alternativa tarocca invece è solo quella che si veste con stile per farsi notare, ma una volta stabilito il contatto e una volta “smerdata” nel senso che farete cadere la maschera che indossa, si sentirà scoperta e sarà più sensibile alle vostre avance.

La ricca: la vedete al volo. Generalmente in forma e particolarmente carina, di una “nobile” bellezza. Come per l’alternativa, il difficile sta nel primo contatto, perché socializzerà meglio con quelli dei suoi stessi ceti sociali. E’ un target che personalmente non mi piace. Tipiche le “Parioline” e le “Eurine”. Tipico è il tutto fumo e niente arrosto (a letto). Ciò non nega casi di possibili mosche bianche, ma la stragrande maggioranza è così. Se ne trovate una sana mentalmente e alla mano, è perfetta, non fatela scappare.

La femminista convinta: carina, ma mai una figa. Atteggiamenti un pò da maschiaccio al confine con la coatta. Con lei vince il maschio sottomesso, per cui più l’approccio è impacciato più può funzionare. Non fate mai discorsi su parità dei sessi o politica o animali, potrebbe incazzarsi e annientarvi per una parolina sbagliata. Se si innamora vi porta in famiglia, vi chiude in uno sgabuzzino e butta la chiave.

La cosmopolita: se la sente molto calda. Ha studiato o lavora/ha lavorato all’estero. Apertissima ad ogni tipo di approccio. Un minimo di sfacciataggine e ostentazione di una carriera da vincenti per farla vostra. VERAMENTE FACILE FARE ONS CON QUESTO TIPO. Veramente difficile tenerla legata a voi. Non innamoratevi di lei.

La player: generalmente gran fighe o carine ultra stilose, anche dette profumiere. Non provateci se non sapete come. Vi fanno solo perdere tre cose: la testa, il tempo e il denaro. Venite ai nostri corsi prima per sapere come averle.

La donna in carriera: target specifico dai 25 in sù, ma più si sale più è facile trovarne. Prediligono o vecchi ricconi o giovani arroganti. Il segreto è insistere e spingere in tutti i sensi. Anche qui il problema è l’innamoramento, ma non come negli altri casi. Qui l’amore impossibile può succedere.

Queste sono alcune delle tipologie spiegate in chiave di marketing. Per sapere le dinamiche psicologiche più profonde bisogna approfondire in un’altra sede. Ogni persona può avere più sfumature di una caratterizzazione, ma saper fare un’identificazione generale a grandi linee.

Gestione dell’approccio: dal numero, al primo appuntamento – dal bacio al…

Fondamentale sarà raggiungere almeno una della prime chiusure che varia a seconda del luogo e del target. E’ chiaro che dove possibile è meglio finire a letto nudi insieme, ma se siete per strada e lei va di corsa, accontentavi del numero. Non consideratelo però un trofeo. Finché non sarete sotto le coperte senza mutande non vale niente. Vige l’articolo quinto: chi l’ha messo dentro, ha vinto. 

Una volta preso il numero, lasciate stare il giochino di richiamare dopo 2-3 giorni, se vi gira scrivetela o richiamatela anche il giorno stesso. Evitate emoticon o emoji stupide. Qualche battuta ok, ma poco testo. Usate whatsapp o sms solo per fissare l’appuntamento.

A seconda del target e delle reazioni regolatevi per l’appuntamento. In genere al primo propongo sempre un’uscita attorno alle 18, fino a max le 20. Se le cose vanno bene si può cenare e concludere la serata insieme, altrimenti salutatevi.

E’ chiaro che bisogna spingere per il bacio, ma se state uscendo con una “donna in carriera” sarà più difficile. Anche se ci sta, vi rifiuterà. Non demordete, al secondo appuntamento andrà meglio.

Dove andare al primo appuntamento?

Luoghi tipici del centro, a Roma dove altro si può andare? Volete imparare come rimorchiare a Roma e non sapete nemmeno fare da Cicerone? Personalmente ho un mio iter personale che ho dato ai miei studenti, che se rispettato accelera ed aumenta le probabilità di successo perché carica di tensione emotiva, ma anche voi potete trovare qualcosa di speciale.

Evitate i cinema come la morte! Non serve a niente andarci.. Per ora.. Vedremo in futuro come e quando bisogna andare al cinema per sedurre una donna.

Evitate discoteche e pub e tutti i generi di locali da ubriaconi che vi vengono in mente. Se proprio volete andare in un lounge bar a fare un aperitivo, sedetevi ma non per più di 40 minuti! Se il servizio è lento, andatevene! Perché? Che ricordo avrà del vostro primo appuntamento? 40 minuti ad aspettare uno spritz?

Come baciare al primo appuntamento?

Per sapere come baciare con assoluto successo al primo appuntamento ti rimandiamo al trattato di rimorchio. Una volta raggiunto questo step, verifica le condizioni logistiche come spiegato nella seconda parte della ONS.

E se all’ultimo mi fa resistenza?

Non è un giocattolo. Con la donna bisogna comunicare in maniera emotiva. Se è arrivata fin lì ci sta ma può avere ripensamenti per via di una sorta di paura inconscia sociale per non sentirsi una facile. Confermale sul piano verbale quello che dice mentre vi spogliate felici e vi godete il momento.

Vuoi sapere come si svolgono i corsi di seduzione a Roma? CLICCA QUI PER SCOPRIRE DI PIU’

Come rimorchiare a Roma? Come sedurre a Roma? Dall’approccio al primo appuntamentoultima modifica: 2017-01-26T12:31:10+00:00 da Simon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *