Come smettere di lamentarsi?

Come fare soldi con una skill
23 marzo 2017
La meditazione fa bene? Ti dico dei miei risultati
26 marzo 2017

Come smettere di lamentarsi?

Hai un problema. Hai tanti problemi. E ti lamenti. E potresti iniziare ad accorgerti, mentre leggi questo articolo, mentre i tuoi occhi seguono queste parole, che la tua mente inconscia pensa alla domanda dell’articolo: come smettere di lamentarsi?

Pensa: si può davvero smettere una cattiva abitudine come quella di lamentarsi?  Come smettere di lamentarsi?

Guarda, io sono spesso nella tua posizione. Ultimamente mi è successo un casino con dei colleghi a lavoro, i quali mi hanno fatto un torto enorme, e mi sono lamentato. Lamentarmi con loro è stata una reazione, una difesa dei miei diritti. Questo è buono. Poi abbiamo trovato la soluzione. E questo è buonissimo.

Pensa, invece, se io al posto di trovare una soluzione comune avessi continuato a lamentarmi, magari allo specchio, o con i miei amici. A lamentarmi dello stato delle cose, del governo, delle ingiustizie.

Il mondo è un posto che fa schifo? Forse.

Ma se per oggi riesci a smettere di lamentarti, a mettere da parte la negatività, e a concentrarti sulla soluzione, ti accorgi che il mondo fa schifo solo quando il tuo stato emotivo fa schifo.

Magicamente, quando il tuo stato emotivo è

  • Proattivo
  • Positivo (senza essere un illuso ottimista, ma semplicemente consapevole)
  • Energico
  • Vitale

Allora in questo caso il mondo cambia, perché cambi tu.

Come smettere di lamentarsi quindi?

Per farlo, devi innanzitutto affrontare il problema di petto, o se non puoi, affrettarti lentamente a farlo.

Affrettarsi lentamente è un concetto del taoismo, letteralmente Wu Wei.

Ti riporto a tal riguardo le parole di Laozi (a lui vengono attribuite):

“Ecco come devi essere! Devi essere come l’acqua. Niente ostacoli, essa scorre. Trova una diga, allora si ferma. La diga si spezza, scorre di nuovo. In un contenitore quadrato, è quadrata. In uno tondo, è rotonda. Ecco perché è più indispensabile di qualsiasi altra cosa. Nulla al mondo è  più adattabile dell’acqua. E però quando cade sul suolo, persistendo, niente può essere più forte di lei. »

Capito quindi? Di fronte a un problema dimentica la tua natura umana e trasformati in acqua. L’acqua non si lamenta. L’acqua scorre, si adatta, fluisce. Comunque vada panta rei, e singing in the rain.

E infatti la vita non consiste nell’evitare la pioggia, ma nell’imparare a ballare quando piove.

Se vuoi riuscire a smetterti di lamentarti, balla nella pioggia, anzi sii la pioggia. Sii acqua che balla nella pioggia.

Quando sei acqua, puoi scegliere il tuo destino. Vuoi essere ovunque? Riscaldati e sii gas. Vuoi fare una determinata cosa e lasciare un segno? Compattati (raffreddati) e diventa ghiaccio.

Che cosa significa? Che quando sei acqua, cioè ti adatti ai problemi, perdi la tua identità e diventi una cosa essenziale, l’acqua appunto.  Tradotto in termini pratici significa: rinuncia al tuo ego, vivi nel momento presente, esci dalla tua testa, sii libero!

Se vuoi essere ancora più libero, riscaldati (tradotto: dai ancora più energia al tuo spirito interiore, alla parte autentica di te, quindi tradotto ancora: azzera ancor di più il tuo ego) e così diventa gas: sei ovunque.

Una volta che sei ovunque, vuoi compiere un’azione? Concentrati (tradotto: compattati, raffreddati). Pensa solo all’azione e alle sue conseguenze. Non pensare ad altro. Sii un concentrato di produttività. Sei ghiaccio.

Ma senza ego, senza pensare di essere migliore o peggiore di altri. Tu sei ciò che sei.

In termini seduttivi, non sei più una persona di alto o basso valore sociale: sei di valore, e questo è sufficiente (vedi? No ego)

In termini di successo personale, sei libero di essere ciò che vuoi (acqua, gas, o ghiaccio), e persegui il tuo obiettivo senza lamentarti delle cose che non vanno.

Per cui come smettere di lamentarsi? Con il pensiero laterale. Non pensare a come smettere di lamentarti, piuttosto pensa a diventare un fluido, un’acqua che scorre, si adatta, si trasforma a piacimento. Pensa di meno, scorri di più. Balla nella pioggia, diventa pioggia, sii pioggia che balla nella pioggia.

Ecco come smettere di lamentarsi, senza pensarci.

LEGGI ANCHE: COME FARSI RISPETTARE

Come smettere di lamentarsi?ultima modifica: 2017-03-26T20:05:49+00:00 da Simon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *