Come sedurre una professoressa?

Come approcciare una ragazza che non si conosce su Facebook?
16 marzo 2017
Come farsi lasciare senza sentirsi in colpa?
19 marzo 2017

Come sedurre una professoressa?

A tutti è capitato di fantasticare su una propria insegnante. In genere si comincia alle scuole medie, dove le possibilità di concludere qualcosa sono veramente basse e si finisce all’università, dove le distanze anagrafiche diminuiscono e dove sembra che la magia possa accadere. Vuoi sapere come sedurre una professoressa? Vediamolo insieme.

Come sedurre una professoressa al liceo

Salto direttamente il capitolo sulle scuola medie, per cui se sei più piccolino e sei finito qui ugualmente, ti rimando ad un articolo di base su come imparare a rimorchiare e come rimorchiare su Facebook, ma partire da zero e farsi una prof a 12-13 anni la vedo dura.
Se invece sei al liceo va fatta un’altra distinzione. Al di là dei tuoi ormoni che fremono, conta per forza di cose anche l’aspetto fisico e come sai comunicare, ma soprattutto conta fome sai subcomunicare. Quindi, anche se hai 18 anni, sei all’ultimo anno, ma hai ancora le parvenze da bambino, la vedo un po dura. Sia chiaro comunque che questo articolo è rivolto ai maggiorenni, è chiaro che devi esserlo se non vuoi incorrere in tv su un assurdo fatto di cronaca!
Cosa fare in pratica dunque?

Innanzitutto far capire le proprie intenzioni alla prof. Giochi di sguardi e qualche battuta più azzardata o una serie di complimenti, costanti e mirati potrebbero essere il punto di partenza. Dopo di che cosa si fa? Si aspetta un feedback, anche il minimo. È chiaro che non potrà sbilanciarsi in aula, è chiaro che dovranno esserci altri presupposti psicologici attivi nella sua mente, eppure qualcosa dovrà accadere. Cosa intendo per presupposti psicologici? Una prof.ssa single ci dai l’idea di avere maggiori chance di successo, ma non è per forza così. Può anche succedere di avere a che fare con una donna sposata, ma con dei problemi relazionali, delle crisi interne e che in quel certo momento, se stimolata e provocata a dovere, potrebbe volersi fare una o più scappatelle.
Se poi vedi che ci sta, lo capisci. Non servono segnali eclatanti o particolari corsi sul linguaggio del corpo. Funziona già così.

Come sedurre una professoressa all’università?

All’università è più semplice e le possibilità aumentano, ma sostanzialmente la strategia e i presupposti psicologici rimangono gli stessi già spiegati su come sedurre una professoressa al liceo. Una delle differenze in questo caso è la “gestione logistica”. Essendo all’università circondato da centinaia di altri studenti, non potrai fare giochi di sguardi o altre cosette da liceale. L’idea in questo caso è avvicinarsi prima e alla fine della lezione a chiedere chiarimenti e poi iniziarsi a presentare con sempre maggiore frequenza ai colloqui privati in ufficio per vedere cosa succede, in orario di ricevimento. Se avrete seminato bene gestendo anche i concetti della triade MLS, allora sarà forse lì che la magia potrà succedere.

Come sedurre una professoressa?ultima modifica: 2017-03-17T09:21:32+00:00 da Simon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *